Se ti piace quello che vedi, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!
rubino su calciteUna delle modalità principali con cui avviene la formazione delle pietre preziose più pregiate è la cristallizzazione magmatica; avviene quando i cristalli si formano in seguito al raffreddamento del magma nel sottosuolo.
I cristalli generati a grandi profondità possono poi essere portati in superficie dalla lava nel corso delle eruzioni vulcaniche. Minerali come il topazio, il corindone (rubini e zaffiri) e il diamante sono delle pietre preziose che si originano in questo modo.
Le pegmatiti sono il prodotto finale della cristallizzazione magmatica, si originano quando si solidifica l’ultimo residuo fluido ricco di silicati che rimane dopo la solidificazione del corpo principale. La presenza abbondante di atomi di berillio, boro, rubidio, cesio, ecc. assieme a sostanze volatili come l’acqua, il fluoro e il cloro dà spesso origine a dei grossi cristalli. La tormalina, il topazio, il berillo, il quarzo e lo spodumene sono alcune delle più comuni pietre preziose che si possono ritrovare nelle pegmatiti.

Quando si è cristallizzata la maggior parte del materiale silicato presente nel magma, quel che rimane è una soluzione acquosa ad alta temperatura ricca di sostanze chimiche. Questo fluido idrotermale penetra le fessure e le crepe delle rocce circostanti e qui forma dei cristalli all’interno di vene; i più pregiati sono lo smeraldo, il topazio e il berillo rosso.

diamante grezzoAlcuni minerali sono altamente resistenti alle intemperie e quando il resto della roccia si è ormai sgretolata e polverizzata vengono presto trasportati via dalle correnti d’acqua.
Per gravità si depositano sul letto del fiume e così possono dare origine a delle vere e proprie ghiaie di pietre preziose, come quelle che si possono ritrovare in Sri Lanka, in India, in Myanmar (l’ex Birmania) e in altre remote località del mondo.
In depositi di questo tipo si possono ritrovare comunemente molte bellissime pietre preziose come il diamante, il rubino, lo zaffiro, il quarzo, il granato, lo zircone e il crisoberillo.

I composti chimici presenti in soluzione possono precipitare quando cambiano le condizioni fisico-chimiche. In questo modo le sostanze chimiche si possono aggregare in cristalli e dare origine a pietre come la malachite, l’opale e il turchese. In particolare il turchese si forma quando le soluzioni acide ricche di rame si trovano a fluire nelle rocce porose di origine vulcanica; reagendo con i minerali contenenti alluminio e fosforo vanno a formare il pregiato minerale di colore azzurro-verde conosciuto in tutto il mondo.

zirconeAlcune pietre preziose si formano anche quando una roccia è sottoposta ad alta temperatura e/o alta pressione: i componenti chimici dei minerali costituenti vengono riarrangiati in nuovi minerali. In questo modo si formano minerali come il corindone, il granato, l’andalusite, il diopside, la iolite, la kyanite, ecc.

Accanto alle pietre preziose naturali vi sono quelle sintetiche. Sono prodotte mediante procedimenti industriali e hanno composizione chimica identica a quella delle pietre naturali. Per il fatto che sono spesso prive di imperfezioni, sono in alcuni casi anche più belle di quelle naturali. Logicamente il loro prezzo a parità di carati è molto più basso in quanto il loro reperimento non è di natura mineraria.

Cerca le Offerte


    Advanced

    Search title & description



Pietre Preziose

    pietre preziose e donna

    pietre preziose su guanti