Se ti piace quello che vedi, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!
purezza e smeraldiLe pietre preziose si presentano per loro natura con dei segni distintivi, che possono essere superficiali o interni; in quest’ultimo caso vengono definiti inclusioni.
La purezza è un indice qualitativo delle pietre preziose che permette di valutare una gemma proprio sulla base del numero di questi segni superficiali ed inclusioni: tanto più una gemma è pura, tanto più risulta “pulita”.

I segni di superficie sono sempre confinati sull’esterno e possono essere dovuti alla gestione della pietra oppure essere direttamente imputabili alla sua durezza e fragilità. Alcune pietre come gli smeraldi, ad esempio, sono relativamente fragili e quindi dovrebbero essere maneggiate con cura.

inclusioni in un rubinoLe cosiddette inclusioni invece si trovano completamente all’interno della gemma, oppure possono diramarsi verso l’esterno fino a raggiungere la stessa superficie.

Le inclusioni si formano durante il processo di cristallizzazione e, di per sé, non fanno necessariamente diminuire il valore o la bellezza delle pietre preziose.
E’ vero che solitamente maggiore è la purezza più alto è il valore della gemma, soprattutto se si tratta di diamanti, ma in alcuni casi le inclusioni possono rendere le pietre preziose anche più belle e più pregiate, a patto che non vadano ad interferire con la durevolezza.

In particolare, le inclusioni aghiformi creano lo spettacolare fenomeno ottico "occhio di gatto" nel crisoberillo oppure l’asterismo che caratterizza alcuni zaffiri e rubini. I rari e preziosi granati demantoidi contengono invece delle rare inclusioni di fibre dorate conosciute come “coda di cavallo”.

zaffiro a cabochonDato che le pietre preziose si vengono a formare in seguito a processi geologici anche molto diversi fra loro, è facilmente intuibile che alcuni tipi di pietre presentano più inclusioni di altre. Questo è il motivo per cui quando si valuta la purezza di una gemma si prende in considerazione anche la sua natura e tipologia.
Pietre preziose come l’acquamarina, il citrino, la tanzanite e il topazio sono tipicamente trasparenti esaminandole ad occhio nudo, mentre gemme come lo smeraldo, il rubino, lo zaffiro e la tormalina rossa presentano quasi sempre delle inclusioni facilmente individuabili.

smeraldo a cabochonLe pietre preziose tagliate a cabochon hanno generalmente una purezza minore di quelle sfaccettate.
Questa cosa è spiegabile col fatto che le inclusioni sono molto più visibili nelle gemme sfaccettate che non in quelle con un taglio curvilineo.
Per questo motivo, quando si ha fra le mani una pietra preziosa non molto pura si preferisce evitare di sfaccettarla. Il risultato finale può comunque essere sempre molto piacevole, come nella foto a destra.

Cerca le Offerte


    Advanced

    Search title & description



Pietre Preziose

    pietre preziose

    brillante